Alla fine, anche il Friuli Venezia Giulia festeggia al Giro d’Italia. Da una parte la meravigliosa cronoscalata Tarvisio Lussari, la più bella tappa vista nell’edizione 106 della corsa rosa, la sfida sui secondi tra Roglic e Thomas e lo spettacolo offerto dal paesaggio. La Valcanale, la ciclovia Alpe Adria – ricavata sulla dismessa linea storica della ferrovia Pontebbana – la foresta di Tarvisio, la salita del Lussari e l’arrivo. La seconda gioia arriva da Jonathan Milan, un giovane ragazzo di Buja, dalle belle speranze. Dopo le vittorie continentali e mondiali su pista, il bujese si aggiudica la maglia ciclamino, quella riservata per la classifica a punti, dimostrando con i fatti di che pasta è fatto. Alcune cose da limare, peccati di gioventù, sulle volate dettagli che Jonathan saprà mettere in pratica nel breve tempo. Una cosa è certa, abbiamo un campione vero dentro e fuori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *